Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

user_mobilelogo
FacebookTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed
stetoscopio

Come spesso accade, il veleno differisce dalla medicina solo per la dose. La tossina botulinica può avere effetti sia utili, che terribili.

La tossina botulinica è una proteina che viene prodotta da batteri anaerobi Clostridium Botulinum.

 

Questi microrganismi vivono in assenza d’aria, ma emettono gas che gonfiano i coperchi delle conserve. Un barattolo gonfio è il primo segnale che ci si può infettare di botulismo, una grave malattia che causa la morte di una persona per la paralisi dei muscoli respiratori. L’avvelenamento da tossina botulinica può verificarsi mediante l'assunzione di insaccati, conserve di pesce, verdure o carne.

Le conserve alimentari, che contengono la tossina botulinica, di regola, alla vista appaiono completamente innocue: non modificano ne aspetto, ne odore, ne sapore.

Cosa sta succede in caso di avvelenamento da botulino?

L’avvelenamento da tossina botulinica blocca la trasmissione neuromuscolare, si verifica la paralisi che, nella maggior parte dei casi, porta alla morte per insufficienza respiratoria.


Cosa fare in caso di avvelenamento da botulino?

1. Non acquistare conserve con il coperchio gonfio.

2. Le conserve preparate in casa, prima dell'uso vanno messe in una pentola, fatte bollire per 30 minuti e poi raffreddate. Questo distruggerà la tossina botulinica, se si è formata nel barattolo.

Il microbo è estremamente resistente ad ambienti aggressivi. Non verrà distrutto ne dagli acidi rilasciati dello stomaco ne da una bollitura del prodotto per 3-5 minuti. Per la distruzione della tossina botulinica è richiesta un’ebollizione ad una temperatura da 100 a 120 ° C per 30 minuti.

La tossina botulinica può essere utilizzata come medicamento. Nel ventesimo secolo, gli scienziati hanno scoperto che purificata e altamente diluita, la tossina botulinica può essere, anche se con grande cautela, usata per scopi medici per rilassare gli spasmi muscolari.

Gli oftalmologi iniziarono quindi ad usare piccole dosi di tossina botulinica per il trattamento di strabismo e blefarospasmo.

I medici che hanno curato i pazienti con la tossina botulinica hanno notato un effetto collaterale positivo: nelle zone di iniezione le rughe si stiravano completamente. Pertanto, si è iniziato ad utilizzare la tossina botulinica anche in cosmetologia.

Successivamente, piccole dosi di tossina botulinica sono iniziate ad essere usate per trattare la sudorazione eccessiva dei palmi delle mani e delle ascelle.

Sulla base della tossina botulinica sono stati creati farmaci per il trattamento di paralisi cerebrale nei bambini.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

PageRank Checker
BlogItalia - La directory italiana dei blog
[Valid RSS]

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Se vuoi saperne di più poi consultare la nostra privacy policy qui. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi configurare i singoli cookies.