Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

user_mobilelogo
FacebookTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed

Non trattate i vostri famigliari-russatori in maniera arrogante. Piuttosto, accompagnateli da un medico del sonno!

 

Il russare sulla schiena, o russamento posizionale

Le vie respiratorie sono costituite da un tubo muscolare, in cui tutte le pareti sono mobili. Quando il soggetto giace sulla schiena, la lingua si viene a trovare sopra alle vie respiratorie, schiacciandole. Esse quindi si restringono, e talvolta addirittura si chiudono. Pertanto, solitamente sulla schiena il russare è più forte che quando si è girati sul fianco.

Quando con il russamento posizionale si raccomanda di indossare un apposito pigiama (una maglietta), con una tasca posteriore, all'interno della quale è incorporata una palla da tennis. Il soggetto sarà scomodo a dormire sulla schiena, e sarà quindi portato, nel sonno, a girarsi su un fianco.

Il russare continuo, con episodiche apnee

 

Vi è poi il caso in cui il soggetto russa di continuo, in qualsiasi posizione, con ogni inspirazione ed espirazione. Ma la situazione più pericolosa, si ha quando il russare si interrompe all'improvviso, con una pausa di 30-40 secondi, a volte fino a un minuto, per poi aumentare d'intensità.

Di fatto, nel sonno avviene un'interruzione della respirazione, correlata all'apnea, quindi un'episodio di soffocamento. Quindi, per mancanza di ossigeno, entra in funzione il cervello, che riapre le vie respiratorie causando un improvviso forte russare. Tali episodi possono verificarsi fino a 500 volte durante la notte.

In 8 ore di sonno, tale soggetto si trova a non respirare affatto per 3-4 ore. Ciò peggiora il sistema cardiovascolare e la qualità della vita. La ragione di tale situazione, è lo spostamento della mascella verso il basso, andando a bloccare le vie respiratorie ed alterando il passaggio dell'aria.

 

In questa situazione, il soggetto dovrebbe essere sottoposto ad un semplice esame, la polisonnografia, sulla base del quale, sarà possibile una più accurata diagnosi e valutazione della gravità e, in base della prognosi, sarà possibile prendere una decisione circa il trattamento.

In particolare, per il trattamento di questo tipo di russare possono essere utilizzati dei bite personalizzati, che consentono di spostare un pò la mandibola in avanti per liberare il passaggio dell'aria.

Indebolimento dei muscoli del palato molle e sovrappeso

I muscoli, con l'età e l'obesità, si indeboliscono, conseguentemente le vie respiratorie atrofiche, vibrano al passaggio dell'aria e il soggetto inizia a russare. Tale russamento durante il sonno può verificarsi in qualsiasi posizione.

 

Prima di tutto è necessario ridurre il peso corporeo. In alcune situazioni, è possibile rimuove chirurgicamente una parte della linguetta del palato molle. Tuttavia, in presenza di indebolimento delle vie respiratorie, l'accorciamento della linguetta è inutile. Pertanto, prima dell'intervento chirurgico è estremamente importante sottoporti ad un esame che mostrerà se vi è la necessità di tale operazione.

Per alleviare tale condizione, tutti i russatori possono utilizzare speciali strisce adesive da applicare sul naso prima di andare a letto, che con le alette allargheranno le fosse nasali, migliorando la respirazione durante il sonno.

Esercizi per il palato per non russare

 

Spingere la lingua il più avanti e verso il basso possibile per 15 secondi, come per toccare con la punta del mento.

E' necessario ripetere l'esercizio per 30 volte al mattino, al pomeriggio e alla sera.

I muscoli allenati sono tonici, quindi meno soggetti ad afflosciarsi. Come per tutti i muscoli, l'esercizio fisico è molto efficace, ma è importante eseguirlo regolarmente.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

PageRank Checker
BlogItalia - La directory italiana dei blog
[Valid RSS]

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Se vuoi saperne di più poi consultare la nostra privacy policy qui. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi configurare i singoli cookies.