Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

user_mobilelogo
FacebookTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed

Luci lampeggianti, vestiti a strisce bianche e nere, vecchi monitor a tubo catodico con immagini tremolanti e assunzione di alcool causano una forte stimolazione del cervello, quindi crisi in persone affette da epilessia.

 

Sovente gli epilettici hanno paura tutto, considerando la propria condizione come un verdetto. Oggi, tuttavia, la malattia è ben trattata. Le persone con una diagnosi di epilessia possono condurre una vita piena.

Il principale pericolo in un attacco epilettico sono le lesioni che una persona può soffrire come risultato della caduta. Non si deve avere paura, probabilmente, oltre ad una poco gradita caduta, non succede nulla di terribile, è solamente necessario aiutare la persona a non farsi male e chiamare un'ambulanza.

Facciamo un test!

 

Vi è mai accaduta una momentanea breve perdita di contatto con il mondo circostante, come ad esempio, in un momento di comunicazione attiva con le persone vi siete, solo per 5-10 secondi, isolati dalla conversazione, per poi riconnettervi nuovamente?

Si? Potreste soffrire di una leggera forma di epilessia.

Sintomi dell'epilessia

 

Vi è l'idea comune che perdita di coscienza, convulsioni e la schiuma dalla bocca siano segni inequivocabili di epilessia. Tuttavia, non è proprio così. Vi sono innumerevoli tipologie di crisi epilettiche e l'epilessia può manifestarsi in modi differenti.

- Il soggetto può "assentarsi" per alcuni secondi.

- Al soggetto possono manifestarsi leggeri spasmi a palpebre o viso, spesso impercettibili ai presenti.

- Il soggetto può fare movimenti inconsci con le mani, masticare o schioccare le labbra quando la bocca è vuota.

- Nei bambini può manifestarsi con un dondolamento. Il bambino può cadere di viso e dopo pochi secondi rialzarsi.

 

Le cause di un attacco epilettico possono essere

1. Luci lampeggianti, il lampeggiare ritmico causa una improvvisa stimolazione del cervello e quindi causare crisi nelle persone epilettiche.

2. Vestiti a strisce in bianche e nere.

3. L'alcol, è severamente vietato alle persone che soffrono di epilessia.

4. Vecchi monitor a tubo catodico. I bambini epilettici devono assolutamente evitare di utilizzare i vecchi monitor a tubo catodico, lo sfarfallio, non sempre visibile ad occhio nudo può causare una crisi. Utilizzare schermi LCD.

 

Soccorso durante un attacco epilettico

Durante un attacco epilettico, i presenti devono mantenere la calma, niente panico e nessun dramma, e dare il corretto primo soccorso.

In una attacco epilettico, è importante proteggere la persona dalle possibili lesioni correlate. Se una persona cade, è necessario sostenerla e farla scivolare dolcemente a terra.

La respirazione deve rimanere libera. Per evitare che il soggetto soffochi a causa della propria lingua, saliva o vomito, è necessario sostenergli la testa e girarlo su un fianco. Non è necessario cercare di infilargli nulla in bocca. La cosa fondamentale è chiamare immediatamente un'ambulanza. Se la crisi dura più di 5 minuti, la persona può morire. Tipicamente la crisi si conclude in 2-3 minuti.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

PageRank Checker
BlogItalia - La directory italiana dei blog
[Valid RSS]

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Se vuoi saperne di più poi consultare la nostra privacy policy qui. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi configurare i singoli cookies.