Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

user_mobilelogo
FacebookTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed
Rafreddore

Le malattie respiratorie, sono malattie infettive causate da virus e batteri

L’infezione respiratoria è causata da virus e batteri che entrano nell'organismo per via aerea e infettano il tratto respiratorio superiore.

Naso che cola, tosse e febbre sono sintomi di infezioni respiratorie.


L’infezione respiratoria è pericolosa perché può portare allo sviluppo di, ad esempio, otite, sinusite e polmonite.


Come prevenire le infezioni respiratorie?

1. Per evitare di essere infettati, interagite con le persone a una distanza non inferiore a 70 cm.

2. Sciacquare regolarmente il naso. La mucosa della cavità nasale ha una funzione protettiva. Se la mucosa è umida, l’organismo è protetto da virus e batteri. Una mucosa secca è l’accesso alle infezioni.
Per ripristinare l'umidità della mucosa nasale:
- Sciacquare il naso con spray specifici.
- Bere almeno 2 litri di acqua al giorno.
- Ponete attenzione al livello di umidità delle stanze.

3. Un maschera non protegge dalle infezioni respiratorie, dal momento che virus e batteri passano facilmente attraverso di essa accedendo così nelle vie respiratorie. Un mascherina protettiva dovrebbe essere indossata da chi è già malato, proteggendo le persone sane circostanti dall'infezione. E’ possibile proteggersi dal virus servirà solo attraverso un respiratore.

4. Starnutite solo in fazzoletti monouso, se sprovvisti, nella piega del gomito.


Come trattare le infezioni respiratorie?

1. Se la temperatura corporea non supera i 38° C, non è necessario abbassarla, in quanto la febbre è una reazione protettiva del corpo volta a combattere le infezioni.
2. Se temperatura supera i 38° C, assumete degli antipiretici. Per ridurre la febbre in un bambino non usare l’aspirina. Con un’infezione da virus in risposta all'aspirina, un bambino può sviluppare la sindrome di Reye, una malattia che ne mette in pericolo la vita. L'ibuprofene è il farmaco più sicuro per ridurre la febbre nei bambini di qualsiasi età.
3. Bevete molta acqua e umidificate la vostra camera dando lo staccio o utilizzando un umidificatore.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

PageRank Checker
BlogItalia - La directory italiana dei blog
[Valid RSS]

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti. Se vuoi saperne di più poi consultare la nostra privacy policy qui. Puoi accettare i cookies e proseguire, oppure puoi configurare i singoli cookies.